365 por los 43. Hasta las paredes saben

Aggiornato il: 25 set 2020





Tell us about the purpose of this publication, what was the leader's plan and what did you want to say?

On September 26, 2014, at Iguala city, in the Mexican state of Guerrero , during a shootout with municipal police, more than 40 people were injured, 6 were killed and 43 students from the Ayotzinapa Normal Rural School disappeared. After 6 years, their families still continue to search for concealed graves and the date when they disappeared remains engraved in the collective memory as the “Desapareción Forzada” “ Forced Disappearance”, evidence of a not isolated phenomenon in Mexico: to date there have been more than 73.201 official disappearances.

On recently moving to Mexico City, I was unaware of the use of disappearance as a strategy of terror, and my interest in what happened prompted me to find new forms of expression to help keep the memory alive.

At the beginning I decided to use photography to document not only the countless organized marches, but also in visiting the school of the students, sleeping in their rooms, getting to know their families and following them in their search.

It was the first time I had accepted a journalistic assignment, and I had never published in any magazine up till then.

However, I felt that the photographs taken did not speak a sufficiently articulated language reflecting the complexity of the case, and shortly after the first anniversary of the disappearances, I felt it necessity to organize something to commemorate the 43 missing persons.

I contacted Diego Flores Magon, director of the museum La Casa de El Hijo del Ahuizote , where the project 365 por los 43, Hasta las paredes saben” was born.

The museum is located in the former headquarters of “El Hijo del Ahuizote”, a satirical weekly magazine from the early twentieth century founded by the Flores Magon brothers, three anarcho-communist intellectuals and journalists, opposed to the dictatorship of Porfirio Díaz. Diego was excited about the idea of organizing an exhibition on the theme, so I contacted four other photographers that had followed the story: Valentino Bellini, Brett Gundlock, Mauricio Palos ed Heriberto Paredes.

I curated a selection of 15 photographs that recounted the past 365 days and we printed 365 numbered prints of each in risograph stencil on newsprint paper.

I then asked the journalist Federico Mastrogiovanni, who had recently published the book “Ni Vivos ni muertos”, to write a short critical text on the exhibition, and the museologist Giovani Castañola to create, with a photo of mine, a mural of more than 2 meters wide, divided into 42 pieces.

We put the pieces of the mural in transparent plastic envelopes, so that it became a true editorial project.

The intention was to stimulate active participation by the viewer and give the walls a voice: the audience could in fact take the reproductions away with them or acquire one of the murals and do street action, fly-posting on walls and recovering public spaces. We wanted to offer an alternative way of protesting against the disappearance of 43 students.




A nice idea giving the instructions on how to prepare the glue for posters on the wall

As guests in the house of Mexican political satire, the involvement of the magazine “El Chamuco y los hijos del averno” its current satiric magazine, was immediate. I asked the director of the magazine Raphael Pineda Rapé, to take part in the project as well: his idea was to design a four page manual to illustrate how to make the glue at home, necessary to attach murals on the street. After a whole night of trials, we found the best formula, and he drew the various phases, dividing them in cartoons. The manual was always printed in risograph, but with a blue tint.


how was the project spread?

We produced 300 copies of the mural that we shipped to Europe and in several cities on the American Continent; we contacted Mexican associations in the world as well as friends to post them on the street. We asked them to post a photo on social media with the hashtag #365xlos43 so as to identify the sites. The exhibition was exhibited at La Casa de El Hijo del Ahuizote, situated in a working class suburb, in the centre of the Mexican capital; this allowed us to have a wide audience, which was not limited to ordinary consumers of art, developing a more representative dialogue with the whole of society and distributing widespread information on the episode. Subsequently we then began to talk about the project in different locations and festivals, so much so that I was invited by the Communications Department of the Ibero-American University to hold a course on new narratives of violence convened by the Human Rights Defence Programme.

In 2015 the mural was selected by Brooklyn Street Art as one of the best in New York, we had in fact attached it in a Subway station in the city, and in 2019 it was exhibited at MUAC, The University Museum of Contemporary Art in Mexico City, within the exhibition “#nomecansaré. Estética y Política en Mexíco”.

The entire project was also part of the solo exhibition Vivos, presented in 2017 at the Tina Modotti Gallery in Udine, during the thirteenth edition of the Vicino/Lontano festival.




how was the people's reaction to this action?

With my projects I always try to generate critical thinking also through action and active involvement. The first 100 murals that we produced disappeared on the day of the inauguration, people bought two copies, one to keep and the other to hang. Unfortunately not everyone posted the photo with the hashtag, but I remember that one night while walking through the city of Cholula, I saw a mural hanging un-reported: it was so emotional. I always hope that someone in the world will exhibit it on the anniversary day. I remember that the Mexican community of San Francisco organised a day of singing and dancing around the poster, so while the adults attached the mural, the children glued their small photos to the wall: 365xlos43 had become a reason to be together, as well as a promoter of a collective memory. On 26 September 2019 surprisingly a girl from Mexico City spontaneously attached a mural, and I discovered it on Instagram thanks to a report.

My desire is to publish a book that tells of the entire investigation into the case and where in the world one can find the images of the murals; maybe for the 10th anniversary of the disappearances I will.





- Raccontaci dello scopo di questa pubblicazione, chi ha condotto il progetto e di cosa volevate parlare?

Il 26 settembre 2014 nella città di Iguala, nello stato messicano di Guerrero, durante uno scontro con la polizia municipale, più di 40 persone rimasero ferite, 6 vennero uccise e 43 studenti della scuola rurale Normale di Ayotzinapa scomparvero. A distanza di 6 anni, le famiglie continuano a cercare i ragazzi nelle fosse clandestine e la data rimane scolpita nella memoria collettiva come sinonimo di “Desapareción Forzada”, testimonianza di un fenomeno non isolato in Messico: a oggi si contano più di 73.201 sparizioni ufficiali.

Recentemente trasferita a Città del Messico, ero ignara dell’uso della sparizione forzata come strategia del terrore, e l’interessamento verso l’accaduto mi spinse a cercare forme di espressione nuove per contribuire a mantenere viva la memoria.

Inizialmente decisi di usare il mezzo fotografico per documentare non solo le innumerevoli marce organizzate, ma andando anche a visitare la scuola, dormendo nelle stanze dei ragazzi, fino a conoscere le famiglie e seguirle nelle ricerche. Era la prima volta che affrontavo un lavoro di taglio giornalistico, precedentemente non avevo mai pubblicato su alcuna rivista.

Avvertivo però che le fotografie scattate non parlavano un linguaggio sufficientemente articolato che rispettasse la complessità del caso e, a pochi mesi dal primo anniversario della sparizione, sentivo la necessità di organizzare qualcosa in ricordo dei 43 dispersi. Contattai allora Diego Flores Magon, direttore del museo La Casa de El Hijo del Ahuizote, dove nacque il progetto “365 por los 43. Hasta las paredes saben”.

Il museo è situato presso l’antica sede de El Hijo del Ahuizote, settimanale satirico di inizio Novecento dei fratelli Flores Magon, tre intellettuali e giornalisti di ideologia anarco-comunista, in opposizione alla dittatura di Porfirio Díaz. Diego fu entusiasta dell’idea di organizzare una mostra sul tema, contattai allora altri quattro fotografi che avevano seguito l’accaduto: Valentino Bellini, Brett Gundlock, Mauricio Palos ed Heriberto Paredes. Curai una selezione di 15 fotografie che raccontassero i 365 giorni trascorsi e stampammo con una risograph, su carta di giornale, 365 copie numerate di ciascuna. Chiesi poi al giornalista Federico Mastrogiovanni, che aveva da poco pubblicato il libro “Ni Vivos ni muertos”, di scrivere un breve testo critico sulla mostra, e al museologo Giovani Castañola di creare con una mia foto, un mural di più di due metri di larghezza, diviso in 42 pezzi. Inserimmo i pezzi del mural in una busta trasparente, diventando un vero a proprio progetto editoriale.

L’intento era stimolare una partecipazione attiva dello spettatore e dare voce alle pareti: il pubblico poteva infatti portare con sé le riproduzioni o acquisire uno dei murales e intervenire in strada, sui muri, recuperando gli spazi pubblici. Cercavamo così di offrire una forma alternativa per protestare contro la sparizione di 43 studenti.

- Bella l'idea di dare le istruzioni di come preparare la colla per attaccare i poster .

Eravamo ospiti nella casa della satira politica messicana, è stato immediato il coinvolgimento della rivista “El Chamuco y los hijos del averno”, l’attuale rivista satirica. Chiesi al direttore, Raphael Pineda Rapé, di intervenire anche lui nel progetto: la sua idea fu di disegnare un manuale di quattro pagine dove illustrare come fare la colla in casa per attaccare in strada i murales. Dopo una notte intera di prove, trovammo la ricetta migliore e lui disegnò le varie fasi, dividendole in vignette. Il manuale fu stampato sempre in risograph, ma con la tinta azzurra.

- Come fu distribuito?

Producemmo 300 murales che spedimmo in Europa e in varie città del continente Americano; contattammo associazioni di messicani nel mondo e lo consegnammo ad amici affinché venissero appesi lungo le strade delle città. Chiedevamo di postare una foto sui social, contrassegnandola con l’hashtag #365xlos43, così da individuare le affissioni. La mostra è stata esposta presso La Casa de El Hijo del Ahuizote, sita in un quartiere popolare, nel mero centro della capitale messicana: questo ci permise di avere un pubblico vasto, che non si limitava ai normali consumatori d’arte, sviluppando un dialogo più rappresentativo dell’intera società e distribuendo un’informazione orizzontale sull’episodio. Iniziammo poi a raccontare il progetto in varie sedi e festival, tanto che fui invitata dal Dipartimento di Comunicazione dell’Università Iberoamericana a dare un corso sulle nuove narrative della violenza, convocato dal Programma di Difesa dei Diritti Umani. Nel 2015 il mural è stato eletto dal Brooklyn Street Art tra i migliori di New York, l’avevamo infatti attaccato in una fermata della metropolitana della città, e nel 2019 è stato esposto presso il MUAC, il Museo Universitario d’Arte Contemporanea di Città del Messico, all’interno della mostra “#nomecansaré. Estética y Política en Mexíco”. L’intero progetto era parte anche della mostra personale Vivos, presentata nel 2017 presso la Galleria Tina Modotti di Udine, durante la tredicesima edizione del festival Vicino/Lontano.

- Quale fu la reazione della gente a questa azione?

Con i miei progetti cerco di generare sempre un pensiero critico anche attraverso l’azione e il coinvolgimento attivo. I primi 100 murales che producemmo sparirono il giorno dell’inaugurazione, le persone ne compravano due, uno per tenerlo e uno per appenderlo. Purtroppo non tutti hanno pubblicato la foto con l’hashtag, ma ricordo che una sera passeggiando per la città di Cholula, incontrai un mural appeso che non avevano segnalato: è stato emozionante. Spero sempre che il giorno dell’anniversario qualcuno nel mondo lo esponga. Ricordo che la comunità messicana di San Francisco organizzò una giornata di canti e balli attorno all’affissione, e mentre gli adulti attaccavano il mural, i bambini incollavano alle pareti le foto piccole: 365xlos43 era diventato un motivo per stare insieme, oltre che promotore di una memoria collettiva. Il 26 settembre 2019 sorprendentemente una ragazza di Città del Messico attaccò di sua volontà un mural, lo scoprii su instagram grazie a una segnalazione.

Vorrei pubblicare un libro che racconti l’intera investigazione sul caso e dove raccogliere anche le immagini dei murales nel mondo; magari per il decimo anniversario della sparizione lo farò.

128 visualizzazioni